1. Il regolamento del Forum è stato ripristinato e aggiornato, lo puoi trovare in ogni momento in basso a destra cliccando su "Termini e Condizioni d'uso del sito". Ti preghiamo di leggerlo e di rispettarlo per mantenere il forum un luogo piacevole ed accogliente per tutti. Grazie!
    Chiudi

Cradle Of Filth

Discussione in 'Gothic Metal - Doom - Stoner' iniziata da deathgirl, 17 Luglio 2005.

  1. WinterLord

    WinterLord
    Expand Collapse
    Member

    Registrato:
    20 Maggio 2007
    Messaggi:
    80
    "Mi Piace" ricevuti:
    29

    29 Ottobre 2021

    Band di cui avrò ascoltato una traccia o due molti anni fa...

    Che Bomba quest'ultimo
    solo io ci sento in molti passaggi gli Iron Maiden e gli Opeth?

    se mi dite che i predente sono sulla falsariga di questo li vado a recuperare subito :hype:
     
  2. ReignInBlood_1986

    ReignInBlood_1986
    Expand Collapse
    ¯\_(ツ)_/¯

    Registrato:
    12 Febbraio 2009
    Messaggi:
    66.455
    "Mi Piace" ricevuti:
    44.932

    29 Ottobre 2021

    I precedenti sono forse meno chitarrosi, ma realizzati dalla stessa formazione (tastierista esclusa)

    Se quest'ultimo ti piace prova ad andare a ritroso con il penultimo (e da lì a quello precedente, in caso), mentre per il loro meglio devi andare negli anni novanta
     
    A WinterLord piace questo elemento.
  3. WinterLord

    WinterLord
    Expand Collapse
    Member

    Registrato:
    20 Maggio 2007
    Messaggi:
    80
    "Mi Piace" ricevuti:
    29

    29 Ottobre 2021


    Ottimo! grazie del suggerimento.
     
  4. Mordred87

    Mordred87
    Expand Collapse
    The Pumpkin King

    Registrato:
    13 Aprile 2005
    Messaggi:
    8.385
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.866

    29 Ottobre 2021

    ho avuto il piacere di scrivere la recensione del nuovo disco per un portale di cui non faccio il nome. Lascio la mia recensione qui per chi fosse interessato ;) in sintesi, album della madonna!

    I Cradle of Filth da diversi anni stanno vivendo un periodo di rinata ispirazione e alchimia compositiva. Sarà stato merito del cambio di line-up del 2014 ma risulta innegabile che con gli ultimi due dischi la leggendaria band gothic/black metal inglese abbia messo d’accordo critica e pubblico come non accadeva da tempo. Finalmente in questo 2021 dopo ben quattro anni di attesa dall’ultimo ottimo disco “Cryptoriana: The Seductivness Of Decay” del 2017, la band di Dani riesce a pubblicare il nuovo album dopo che quest’ultimo è rimasto fermo “alla base” per diverso tempo per motivi legati alla pandemia. Nel frattempo la band ha inglobato nelle sue fila una nuova tastierista, Anabelle Iratni che ha preso il posto di Lindsay Schoolcraft e che ha subito avuto un ruolo importante in questo album contribuendo nella fase di scrittura tanto che gli interludi che sentirete sul disco saranno interamente opera sua. Per il resto essa rimane fedele nel ruolo della sua predecessora, incantandoci con degli interventi di “spoken word” sempre con accento classicamente britannico come vuole la tradizione della band e con molti vocalizzi che arricchiscono lo scream di Dani Filth e hanno un ruolo fondamentale nel creare quell’atmosfera horrorifica e allo stesso tempo gotica e romantica che da sempre ha caratterizzato la proposta sonora dei Cradle. Per quanto riguarda il sound del disco in generale invece, inutile girarci attorno, la band inglese riesce a consolidare il suo stato di grazia con un album davvero ispirato e variegato, probabilmente il più variegato della sua discografia. Questo album risulta infatti essere molto guitar-oriented e con dei riff spaccaossa e molto “thashy” ma allo stesso tempo melodico e raffinato. Prendete “Cryptoriana” e il suo stile chitarristico a tratti molto classicamente “NWOBHM” e aggiungeteci l’impatto di un album come “Manticore And Other Horrors” e i lati più melodici e accessibili di “Nymphetamine”, ed ecco che questi ingredienti apparentemente contrastanti si sposano creando l’alchimia perfetta in “Existance Is Futile”, un disco che nonostante la sua lunghezza (oltre settanta minuti contando le bonus tracks) riesce a non annoiare mai grazie proprio a questo fantastico mix di generi e al suo songwriting ispirato , oltre alla sapiente distribuzione dei brani nella tracklist che rende l’ascolto un lungo, appassionante ed oscuro viaggio… La varietà della proposta musicale di questo disco è evidente non appena ci addentriamo nella tracklist dell’opera. Si parte con “Existential Terror” che è un pezzo che più “in your face” non si può, fatto di riff violenti e trascinanti e blast-beat impetuosi anche se bisogna ammettere che il riff principale di questo pezzo è preso in prestito paro paro dagli Opeth di “The Lotus Eater”. Col successivo brano “Necromantic Fantasies” si entra in territori più sinfonici e mid-tempo per un pezzo che gioca molto sull’atmosfera e le melodie “facili” alla “Nymphetamine” mentre la successiva “Crawling King Chaos” ci mostra la band in tutta la sua pomposità, che talvolta può risultare addirittura eccessiva ma che tutto sommato ci regala un degno singolo di lancio per questo nuovo album, mostrandoci la nuova arrivata Anabelle in tutto il suo splendore che si cimenta in dei vocalizzi mai troppo in primo piano ma che donano quel giusto pathos al pezzo in questione. Proprio a riguardo della nuova tastierista, mi sarebbe piaciuta sentirla di più nelle classiche parti parlate e cantate di voce femminile che in questo disco sono piuttosto rare ma che per quanto mi riguarda hanno sempre aggiunto qualcosa di magico nei brani dei Cradle Of Filth sia nei tempi più remoti di Sarah Jezbel Deva che in quelli appena trascorsi con Lindsay Schoolcraft. “Black Smoke Curling From The Lips Of War” manco a farlo apposta ci regala una di quelle parti di voce femminile che vi ho appena descritto che introducono il brano in maniera fantastica prima che esso si sviluppi in un furioso assalto black metal che tuttavia ci offre anche delle meravigliose aperture melodiche risultando uno dei brani meglio riusciti dell’album, che senza ombra di dubbio con i suoi meravigliosi affreschi sonori dal sapore gotico e romantico ma allo stesso tempo brutali e “horrorifici” ci regala uno dei brani più belli dei Cradle degli ultimi anni. Lo spettacolo continua con la toccante “Discourse Between A Man And His Soul” che vira quasi a centoottanta gradi musicalmente dalla precedente traccia trattandosi di una melodica e sofferta creazione musicale, pregna di richiami gotici che mi ha rimandato alla prima parte della struggente “Bathory Aria” di “Cruelty And The Beast”, per un tipo di brano che il gruppo di Dani & Co. non componeva da svariato tempo. La successiva “The Dying Of The Embers” potrebbe essere la summa di tutti gli ingredienti sonori presentati in questo disco in un unico brano: la sanguinosa e regale voce di Anabelle che apre il pezzo, i riff pesanti e “in your face”, le sezioni in blast-beat, le atmosfere oscure e decadenti, gli stacchi melodici in cui la voce di Dani si presenta più sofferta e sentita che mai … Insomma, un brano che davvero può rappresentare tutto ciò che di bello è contenuto in questo disco. Risulta tuttavia la successiva “How Many Tears To Nurture A Rose?” con il suo approccio chitarristico a tratti quasi maideniano che si candida come uno dei brani più riusciti del disco grazie anche alle linee vocali davvero emozionanti e riuscite da parte di Dani. Ogni brano di questo platter risulta essere sempre interessante e mai lineare e prevedibile come è il caso del brano successivo con uno dei testi più atipici dell’intera carriera dei Cradle, ossia “Suffer Our Dominion” dove i nostri giocano a fare i Nightwish per un pezzo che parla dell’impatto che l’uomo ha sulla natura e di come inevitabilmente questa si ripercuota a sua volta sull’essere umano. Niente testi gotici e horror stavolta, ma qualcosa di estremamente rilevante e attuale. “Us, Dark, Invincible” chiude l’edizione standard ma non posso che consigliarvi caldamente di acquistare la versione deluxe dell’album che si presenta con due bonus tracks che secondo me risultano tali solo per volere della casa discografica perché a conti fatti si tratta di altri due pezzi fantastici: La mini-suite “Sisters Of The Mist” con la sua anima decadente e drammatica e la super thrashy “Unleash The Hellion”, una vera bomba sonora, che è davvero il pezzo che ci riporta più indietro ai tempi non molto lontani di “Manticore And Other Horrors” almeno come impatto.

    In conclusione “Existence Is Futile” conferma i Cradle Of Filth in uno stato di grazia compositivo che dura dai tempi di “Hammer Of The Witches”. Se avete amato i due precedenti lavori adorerete questo ultimo tassello della discografia dei vampiri inglese che risulta essere uno degli album più vari e ispirati degli ultimi vent’anni da parte della band, unendo la violenza del black metal e del thrash a quella vena gotica, romantica e più accessibile che rende i Cradle Of Filth un gruppo che ancora oggi merita di rimanere sulla cresta dell’onda. Una delle uscite migliori dell’anno e disco imprescindibile per i fan.

    VOTO: 8,5/10
     
    A wataingods piace questo elemento.
  5. ReignInBlood_1986

    ReignInBlood_1986
    Expand Collapse
    ¯\_(ツ)_/¯

    Registrato:
    12 Febbraio 2009
    Messaggi:
    66.455
    "Mi Piace" ricevuti:
    44.932

    29 Ottobre 2021

    Non l'ho letta tutta perché non finisce mai, ma occhio perché non è scritta benissimo

    In italiano è "orrorifico", senza la H all'inizio
    "paro paro" dovrebbe essere "pari pari"
    Poi c'è qualche errore di battitura

    Troppo lunga secondo me
     
  6. Mordred87

    Mordred87
    Expand Collapse
    The Pumpkin King

    Registrato:
    13 Aprile 2005
    Messaggi:
    8.385
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.866

    29 Ottobre 2021

    ok grazie delle segnalazioni. su orrorifico hai ragione, su "paro paro" invece mi rimane il dubbio, Per le rece piuttosto lunghe sono il mio marchio di fabbrica XD non mi piacciono le rece troppo risicate. Spero che i piccoli errori di battitura li sgamino quelli della redazione
     
    #5286
    Ultima modifica: 29 Ottobre 2021
  7. Eclipsed

    Eclipsed
    Expand Collapse
    Il solito porco

    Registrato:
    13 Luglio 2014
    Messaggi:
    2.981
    "Mi Piace" ricevuti:
    3.755

    30 Ottobre 2021

    Il Paro Paro è un uccello variopinto che vive in Madagascar?

    È dialetto sudista 100%
     
    A The Thunder God piace questo elemento.
  8. Vittorio

    Vittorio
    Expand Collapse
    Poi vediamo.
    Membro dello Staff Moderatore

    Registrato:
    15 Marzo 2006
    Messaggi:
    35.592
    "Mi Piace" ricevuti:
    22.349

    1 Novembre 2021

    Non sono un grandissimo fan dei COF, ma ho ascoltato l’album una sola volta e mi è sembrato davvero convincente.
     
  9. Klimt86'

    Klimt86'
    Expand Collapse
    Active Member

    Registrato:
    9 Dicembre 2008
    Messaggi:
    466
    "Mi Piace" ricevuti:
    69

    4 Novembre 2021

    Bene, dopo due settimane dall'uscita e numerosi ascolti su spotify dico anche la mia.
    I due singoli mi erano piaciuti parecchio, sopratutto il primo ma il resto dell'album è ancora più succulento tanto da rendere i due singoli "i più deboli cd", stilisticamente è come i due precedenti però con un gran lavoro delle due chitarre, ci sono meno inserti di voce femminile il che non mi dispiace, le tastiere molto buone e non invadenti e Dani pur non avendo più la voce graffiante e cartavetrata come un tempo fa il suo come dovrebbe, trovo le tre canzoni finali più le due bonus track veramente fantastiche e azzeccate...poi la voce narrante di Doug è meravigliosa.
    Se dovessi dargli un voto sarebbe un 8/8.5
     
    A Mordred87 piace questo elemento.
  10. Mordred87

    Mordred87
    Expand Collapse
    The Pumpkin King

    Registrato:
    13 Aprile 2005
    Messaggi:
    8.385
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.866

    4 Novembre 2021

    discourse between a man and his soul è bellissima ha delle linee melodiche stupende, come stile si sarebbe adattata bene all'album nymphetamine. Cmq concordo i singoli sono i pezzi che mi piacciono di meno
     
  11. Klimt86'

    Klimt86'
    Expand Collapse
    Active Member

    Registrato:
    9 Dicembre 2008
    Messaggi:
    466
    "Mi Piace" ricevuti:
    69

    5 Novembre 2021

    Dimenticavo, la copertina è un figata pazzesca tanto che mi sono ordinato il vinile giusto per metterla bella in mostra in casa per i suoceri:killer:
     
  12. Mordred87

    Mordred87
    Expand Collapse
    The Pumpkin King

    Registrato:
    13 Aprile 2005
    Messaggi:
    8.385
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.866

    11 Novembre 2021

    più lo ascolto e più sono convinto che questo disco sia fantastico, probabilmente il mio disco preferito di questo 2021. Incredibile pensare che sono riusciti a fare meglio di hammer of the witches. Ci sono dei pezzi da pelle d'oca su questo album e delle parti strumentali meravigliose. Discourse between a man and his soul addirittura mi commuove, sisters of the mist e unleash the hellion non ho capito come siano potute essere relegate al ruolo di bonus tracks. How many tears to nurture a rose... clamorosa. Lavoro fantastico
     
    A Eclipsed piace questo elemento.
  13. ReignInBlood_1986

    ReignInBlood_1986
    Expand Collapse
    ¯\_(ツ)_/¯

    Registrato:
    12 Febbraio 2009
    Messaggi:
    66.455
    "Mi Piace" ricevuti:
    44.932

    11 Novembre 2021

    Cryptoriana... è molto migliore di Hammer of the witches
     
    A Eclipsed piace questo elemento.
  14. Klimt86'

    Klimt86'
    Expand Collapse
    Active Member

    Registrato:
    9 Dicembre 2008
    Messaggi:
    466
    "Mi Piace" ricevuti:
    69

    11 Novembre 2021

    Mmm, sai che forse gli preferisco leggermente hammer?...lo trovo più epico e ancora adesso lo ascolto con abbastanza regolarità, poi le due bonus track finali sono clamorose
     
  15. damagedone

    damagedone
    Expand Collapse
    Well-Known Member

    Registrato:
    24 Agosto 2010
    Messaggi:
    8.708
    "Mi Piace" ricevuti:
    2.935

    11 Novembre 2021

    Anche secondo me Cryptoriana è superiore ma sono comunque tre grandi dischi.
     

Condividi questa Pagina