1. Il regolamento del Forum è stato ripristinato e aggiornato, lo puoi trovare in ogni momento in basso a destra cliccando su "Termini e Condizioni d'uso del sito". Ti preghiamo di leggerlo e di rispettarlo per mantenere il forum un luogo piacevole ed accogliente per tutti. Grazie!
    Chiudi

L'altra faccia della storia!NO POLITICA,solo documenti.

Discussione in 'Chiacchiere' iniziata da Rolf_De_Mayo, 14 Febbraio 2006.

  1. HeadlessChild

    HeadlessChild
    Expand Collapse
    New Member

    Registrato:
    20 Gennaio 2003
    Messaggi:
    5.565
    "Mi Piace" ricevuti:
    11

    16 Febbraio 2006

    L'italia si chiama così dai tempi dell'impero ed è stata unita più volte nella storia. Vero è che c'è stata una lunghissima frammentazione, cmq vorrei far notare che 150 anni due guerre e valanghe di flussi migratori sono abbastanza per definirsi italiani. Certo, di fronte alla vastità della storia non è nulla, ma che centra? Cosa significa sentirsi italiani? Io mi sento italiano, sara' perché mi hanno fatto studiare principalmente storia e letteratura italiana, perché ai mondiali si presenta l'italia e non la Lombardia, non lo so.. ma la cosa più importante è che non me ne frega più di tanto!! Questi sono i tempi della globalizzazione, si stà parlando di integrazione europea.. e in italia si parla di identità autonoma regionale??? E' proprio non avere un cazzo da fare! Se qualcuno ha interesse a conservare l'identità locale che si impari il dialetto, si studi la storia e che mangi i piatti tipici, è una nobile e culturalmente importante iniziativa. Ma finisce li! Non si può tirare su una polemica sul fatto che esista o no l'Italia! E' qui da 150 anni, mettetevi l'anima in pace! Ma non ho capito.. se qualcuno venisse a vivere qui dall'estero anche i suoi bis-nipoti sarebbero considerati stranieri? Se è nero deve aspettare giosto quelle 10 generazioni fino a che non scompare ogni traccia di "colore"??

    Dai Rolf, ma che ti frega se sei italiano o no? Preferivi essere austriaco? Francese? Trasferisciti!
    Vuoi il Veneto indipendente? Allora ti chiedo io: ne sei proprio convinto? Sai cosa implica?
    Vuoi privilegi per la tua regione? Attaccati! Qui sei in Italia, l'italia esiste da più tempo di tuo nonno, 150 anni sono abbastanza per dire che è legittimata, quindi se nn ti sta bene vattene.


    P.S. Ho citato le due guerre senza implicazioni ideologiche, xò è un dato di fatto che queste, nonché la tendenza a far far la leva obbligatoria fuori dalla propria regione hanno contribuito ad avvicinare gli italiani.
     
    #61
    Ultima modifica: 16 Febbraio 2006
  2. Druso Italico

    Druso Italico
    Expand Collapse
    Ardet nec consumitur

    Registrato:
    29 Novembre 2005
    Messaggi:
    5.733
    "Mi Piace" ricevuti:
    33

    16 Febbraio 2006

    In parte hai ragione,ma una legittimazione nn può nascere solo da un dato di fatto,seppur consolidato da 2 secoli;la legittimazione nasce da vincoli morali e culturali,dal fatto che una terra è abitata da gente che parla come te, come te ha lì le radici della propria famiglia,del proprio modo di pensare,e in parte, anche dal fatto che un po'ha i tuoi stessi tratti somaticie e magari adorate lo stesso dio.Può sembrare molto tradizionalista,ma un qualunque manuale di storia medievale tratta in questi termini il consolidarsi degli stati nazionali(con tutte le specificità del caso,ovviamente).IL processo di integrazione europea,poi, è un fatto storico come gli altri, nn un destino immutabile.Che piaccia o meno, deve essere voluto,perchè effettivamente sussista.Potremo avere stesse leggi e soldi ed eserciti,ma se nn lo desidereremo noi e gli altri popoli,l'unione europea rimarrà un progetto fallito.E probabilmente finirà così.
     
    #62
  3. HeadlessChild

    HeadlessChild
    Expand Collapse
    New Member

    Registrato:
    20 Gennaio 2003
    Messaggi:
    5.565
    "Mi Piace" ricevuti:
    11

    16 Febbraio 2006

    Vedi, siamo nel 2006, il medioevo era un po diverso.. io sono di Milano. Qui il 70% degli abitanti non è lombardo da più di 2 generazioni. I tratti somatici variano da quelli quasi arabi dei meridionali al biondo acceso di nn so chi. Credo che il 50% dei giovani (me compreso) siano atei. Riguardo al modo di pensare non c'è un vero denominatore comune. Si passa dai leghisti per ideologia a quelli che ancora parlano meglio il pugliese dell'italiano.
    Ti dirò.. sono orgoglioso di essere nato qui! Le mie radici sono in questa città senza radici, a cui sono legato per il semplice fatto che nelle sue vie, nei suoi locali, nelle sue piazze, tra i suoi abitanti, ho trascorso tutta la mia vita sin'ora. Nulla di più. Mi infastidiscono quelli che se gli tocchi la regione se la prendono come se gli avessi toccato la mamma. Mi infastidiscono quelli che appena salta fuori un personaggio televisivo, un calciatore, uno scrittore, un politico del loro paese lo raccontano a tutti con orgoglio. Mi infastidiscono quelli che si vantano della storia (in senso ampio) della loro città, che per carità, è bello che la apprezzino, magari che si identifichino, ma cazzo.. uno o è coglione o è sveglio, qui a milano xesempio i coglioni non mancano, anche se c'è il Duomo.. penso che lo stesso valga x tutti i posti d'italia.

    Riguardo all'integrazione europea, non m'interessa come andrà a finire l'UE, fatto stà che oggi la gente parla 3 lingue, il lavoro è internazionale, si viaggia, ci si trasferisce, si ascolta musica straniera, si guardano film stranieri, e noi italiani siamo ancora dietro a confondere la conservazione del patrimonio culturale (compresa la cultura popolare) che ha una valenza puramente culturale appunto, con il rompere le palle con "i terroni blabla" "i polentoni blabla" "i XXX mi stanno sul cazzo", oppure, ed è uguale "noi Veneti blablabla" "noi Siciliani blabla" "noi siamo XX - loro italiani"...ma fatemi il piacere!!!
     
    #63
  4. Druso Italico

    Druso Italico
    Expand Collapse
    Ardet nec consumitur

    Registrato:
    29 Novembre 2005
    Messaggi:
    5.733
    "Mi Piace" ricevuti:
    33

    16 Febbraio 2006

    Rispetto la tua opinione,che poi è condivisa,in effetti,da altrii,ma posti come Milano sono,da questo punto di vista,le eccezioni,nn certo la regola,e io vivo a Roma,nn in un paesino;un atteggiamento cosmopolita lo trovo positivo,per certi versi,ma escludendo valutazioni personali,rimane appannaggio di una minoranza.
    IL medioevo è citato solo per indicare che,certe radici,nn sono solo una cosa passata,bensì un'insieme di valori e modi di vivere e sentire che esistono da un millennio almeno nel nostro continente,e che quindi nn possono nn essere tenute in conto:ci sarà un motivo per cui tanta gente le ritiene importanti sotto l'aspetto personale e anche politico,nn sarà mica solo una mania o una cazzata,no?La gente che parla tre lingue è ancora poca poca poca...
     
    #64
  5. HeadlessChild

    HeadlessChild
    Expand Collapse
    New Member

    Registrato:
    20 Gennaio 2003
    Messaggi:
    5.565
    "Mi Piace" ricevuti:
    11

    16 Febbraio 2006

    Ah! Non dimentichiamoci quegli sfigati che abitano in paesini piccoli e si menano con quelli del paesino vicino, le frasi alla "meglio un morto in casa che un pisano sulla porta" (frese usata in non so che città toscana) o rivalità simili diffuse in tutte le regioni. Non ci sentiremmo identificati nel nostro stato nemmeno se ogni regione fosse stato a se.. sempre a rompere i coglioni! Perché qui il problema non è verificare se l'italia esiste come nazione, ma controllare se forse non siamo un po' ignoranti e arretrati.. ripeto, mi chiedo a 'sto punto quante generazioni ci vogliono xche uno straniero sia considerato italiano.. ma è mai possibile? Vogliamo veramente chiuderci come ricci? Un paese di emigranti che non è capace di non isolarsi?

    Sarà che siamo troppo ignoranti per avere una personalità autonoma ed abbiamo bisogno di trovare alleati e nemici per sentirci qualcuno?
    OK, questa magari è una stronzata, sicuramente è più una provocazione che un'affermazione ponderata, xò questo è il mio stato d'animo davanti a certe cose.
     
    #65
  6. HeadlessChild

    HeadlessChild
    Expand Collapse
    New Member

    Registrato:
    20 Gennaio 2003
    Messaggi:
    5.565
    "Mi Piace" ricevuti:
    11

    16 Febbraio 2006

    La gente che parla a malapena l'italiano di qui a 50anni guadagnerà poco poco poco.. diciamo che avrà il tenore di vita medio di quando l'italia non era ancora unificata, così è contenta! Ma esclusa questa parentesi che nn c'entra molto, ti dico: non ho nulla contro il conservare le radici! Anzi.. mi piace sentire il milanese (oggi una rarità), amo tantissimo leggere la storia (contemporanea + che altro, è una questione di gusti) della città, mi fa piacere essere quasi purosangue... quello che mi da' fastidio è altro! E' il chiudersi in nome delle proprie radici!
    Siamo abitanti del mondo, per il semplice fatto che magari qualche cataclisma o altro ci costringerà a trasferirci.. e a quel punto che faremo? Le little italy? Oppure... ci piacerebbe che gli abitanti della nazione accogliente ci considerassero stranieri dopo 20'anni che lavoriamo li e cerchiamo d'integrarci?
    Ci sono italiani che si sentono stranieri già qui in italia, che se vanno a studiare o a lavorare fuori fanno la comunità coi corregionali ecc..
    ..ci sono altri italiani che sentono alcuni italiani come stranieri, e vorrebbero levarseli dalle balle..
    ...questo non è conservare l'identità culturale! Questo è essere limitati.
     
    #66
  7. Alessandro Zaccarini

    Alessandro Zaccarini
    Expand Collapse
    Old-Fashioned Lover Boy

    Registrato:
    6 Maggio 2004
    Messaggi:
    4.141
    "Mi Piace" ricevuti:
    240

    16 Febbraio 2006

    Il concetto di Italia esiste da moltissimi secoli... ma, mettiamo che sia come dici te, mettiamo che la dicitura 'Italia' sia comparsa solo da 150anni: una cosa esiste soltanto quando ha un nome? Credo proprio di no eh...

    Ovviamente era un NON farò, scusate ma la febbre mi sta distruggendo... ;P

    PS: grazie pol, dani, clown, cossu... :)
     
    #67
  8. newblackclown

    newblackclown
    Expand Collapse
    Banned
    BANNATO

    Registrato:
    10 Aprile 2003
    Messaggi:
    4.738
    "Mi Piace" ricevuti:
    2

    16 Febbraio 2006

    la dicitura Italia esiste dai tempi degli antichi Romani. Non comprendeva solo Sicilia e Sardegna.
     
    #68
  9. Rolf_De_Mayo

    Rolf_De_Mayo
    Expand Collapse
    Jolly Roger

    Registrato:
    2 Luglio 2002
    Messaggi:
    9.269
    "Mi Piace" ricevuti:
    190

    16 Febbraio 2006

    Ok ma zac...sempre per il discorso ignoranza..quanta popolazione sapeva del concetto di italia unita allora? quanti si sentivano italiani, o sentivano il patrimonio culturale della toscana come proprio?( tanto per dirne una) ..il concetto di italia unita non è mai stato molto sentito dalla maggioranza dei cittadini , o sbaglio?
     
    #69
  10. Druso Italico

    Druso Italico
    Expand Collapse
    Ardet nec consumitur

    Registrato:
    29 Novembre 2005
    Messaggi:
    5.733
    "Mi Piace" ricevuti:
    33

    16 Febbraio 2006

    Guarda,la tua analisi è in parte condivisibile,ma affermazioni come "siamo cittadini del mondo" sono un po' slogan che lasciano il tempo che trovano,perchè nn sono fondate su nessun fatto,ma su come vorresti che le cose fossero.A tutt'oggi le analisi e i sondaggi dicono che la stragrande maggioranza della gente si sente parte di una comunità.Le persone sono,per tanti versi,quello sentono di essere e vogliono essere.Un'esempio calzante è quello del popolo ebreo,per millenni senza patria,senza i propri centri religiosi e politici:eppure ha fatto proprio come hai detto tu,ha creato,ovunque andasse,tante comunità che ricreavano in piccolo la patria perduta,perchè lo spirito di appartenenza alla comunità nazionale e religiosa era ed è fortissimo.
    Per questo gli antichi si portavano appresso un mucchietto di terra del luogo natio quando traslocavano,ed è per questo che ci sono ovunque resistenze ad un processo di integrazione fra Stati( a più livelli:europeo,mondiale) che è visto come spersonalizzante,qualcosa che toglie alla gente la propria identità.
    E'chiaro poi che nn bisogna chiudersi agli altri o essere dei beceri isolazionisti, e che lo studio e le lingue servono.
     
    #70
  11. HeadlessChild

    HeadlessChild
    Expand Collapse
    New Member

    Registrato:
    20 Gennaio 2003
    Messaggi:
    5.565
    "Mi Piace" ricevuti:
    11

    16 Febbraio 2006

    Sugli ebrei vorrei far notare che è qualche millennio che c'è sempre qualcuno che li vuole morti. Preciso, anche x i mods, che stò solo riportando un dato senza esprimere giudizi. Gli ebrei sono il fenomeno più evidente di quello che succede quando non c'è integrazione, e molte cose oggi lo confermano.La mia concezione di cittadino del mondo non è un semplice slogan. Le cose che dici sono vere, ma, a parte il fatto che secondo me più l'identificazione con qualcosa di artificioso è forte più la personalità è debole (ma questa è solo un'opinione), quando si arriva a certi livelli per me è proprio vergognoso. Posso capire che se ci dicessero oggi "non siete più italiani, siete europei" molta gente avrebbe qualche obiezione, magari anche i nostri (vostri, io quantomeno valuterei secondo criteri pragmatici prima di prendere posizione) figli fomentati da noi (voi..:D ) si opporrebbero, ma oltre no. 150 anni sono abbastanza e questo campanilismo diffuso è quantomeno infantile.

    ...teh, faccio il moderato:

    "IMHO" :D


    P.S. I mods sicuramente capiranno che qui la politica nn c'entra nulla dal momento che gli scontri politici su questi temi si basano principalmente su valutazioni di tipo politico-economico.
     
    #71
  12. Druso Italico

    Druso Italico
    Expand Collapse
    Ardet nec consumitur

    Registrato:
    29 Novembre 2005
    Messaggi:
    5.733
    "Mi Piace" ricevuti:
    33

    16 Febbraio 2006

    beh,è proprio quello che succede.A questo punto,proprio per nn fare alcun commento politico,invito gli interessati a leggersi un documento che riguarda TUTTi e cioè il Trattato di Maastricht del 1992,oramai un documento storico,per le sue conseguenze (ben vive anche oggi e domani)e perchè lontano quasi 15 anni.Ciascuno poi trarrà le sue conclusioni.

    2 altre cosette,Headless:
    -Credere fortemente in ideali collettivi nn è segno di poca personalità,ma un modo di usarla,la volontà,secondo me
    -la storia del pisano alla porta la dicono a Livorno!:)
     
    #72
  13. Daniele "dani66" D'Adamo

    Daniele "dani66" D'Adamo
    Expand Collapse
    Redazione
    Membro dello Staff

    Registrato:
    26 Settembre 2004
    Messaggi:
    27.571
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.505

    16 Febbraio 2006

    ?
    Non è che sia così chiaro, eh!

    Vabbé, a scanso di equivoci, almeno non andate fuori tema, dato che il topic è incentrato sulle varie facce che può avere un determinato avvenimento storico; nella fattispecie l'annessione del Veneto all'Italia.
     
    #73
  14. HeadlessChild

    HeadlessChild
    Expand Collapse
    New Member

    Registrato:
    20 Gennaio 2003
    Messaggi:
    5.565
    "Mi Piace" ricevuti:
    11

    16 Febbraio 2006

    Trovo che la differenza che l'amore x i luoghi in cui si è cresciuti, per la gente con cui si è cresciuti, per le abitudini ed i costumi, ed il trasformare il senso di appartenenza in una fede, una fonte di conflittualità ed isolamento, sia simile a quella che c'è tra il tifoso e l'ultra'.. non so se rendo l'idea ;)
     
    #74
  15. Druso Italico

    Druso Italico
    Expand Collapse
    Ardet nec consumitur

    Registrato:
    29 Novembre 2005
    Messaggi:
    5.733
    "Mi Piace" ricevuti:
    33

    16 Febbraio 2006

    beh,su questo hai ragione da vendere
     
    #75

Condividi questa Pagina