1. Il regolamento del Forum è stato ripristinato e aggiornato, lo puoi trovare in ogni momento in basso a destra cliccando su "Termini e Condizioni d'uso del sito". Ti preghiamo di leggerlo e di rispettarlo per mantenere il forum un luogo piacevole ed accogliente per tutti. Grazie!
    Chiudi

Judas Priest

Discussione in 'Heavy Metal' iniziata da oldmaidenfan73, 2 Ottobre 2003.

  1. ^v^ Lestat ^v^

    ^v^ Lestat ^v^
    Expand Collapse
    New Member
    BANNATO

    Registrato:
    27 Settembre 2005
    Messaggi:
    5.989
    "Mi Piace" ricevuti:
    522

    15 Giugno 2008

    Sul sito VH1.com : Judas Priest : The Leak - Rhapsody Music Downloads
    si può ascoltare l'intero disco in straming.

    Halford qui canta molto da pulito, comunque non mancnao brani dove usa lo screaming. Anzi secondo me è uno dei dischi tra quelli dove ha cantato considerando anche i solisti dove varia di più, forse non avrà più le prestazioni di vent'anni fa dal vivo, ma a sessant'anni è normale anche Ian Gillina non canta più "Child In Time". Comunque a livello di intepretazione e presensa scenica da lezioni ancora a molti.
     
    #4156
    Ultima modifica: 15 Giugno 2008
  2. ritchieblackmore@alice.it

    ritchieblackmore@alice.it
    Expand Collapse
    Active Member

    Registrato:
    20 Ottobre 2007
    Messaggi:
    6.823
    "Mi Piace" ricevuti:
    10

    15 Giugno 2008

    Questa è l'intervista in cui Tipton ed Halford parlano di Nostradamus, GUSTIAMOCELA FAN DEL PRETE8-]

    JUDAS PRIEST: Nostradamus parla italiano!

    GLENN TITPTON: "L’Heavy Metal è l’unica forma musicale che si può permettere di sfornare concept proprio perché i fans sono così dedicati all’ascolto di tutto un album e quindi non si stufano a metà o saltano le canzoni che non gli piacciono. Con “Nostradamus” non puoi estrapolare una canzone dal contesto generale. Perché abbia senso devi ascoltarlo tutto, non ne puoi scaricare solo un paio di canzoni da internet. E’ stato un lavoro lungo per noi … Due anni costantemente su un album è tanto, ma ne siamo orgogliosi probabilmente più di ogni altra cosa che abbiamo mai fatto.


    Indubbiamente l’ostacolo più duro è stato cantare in italiano, più dello stesso francese ma è stata una scelta che abbiamo fatto pensando che l’italiano è la lingua più usata nell’opera. Quel momento della canzone era particolarmente significativo ed abbiamo pensato che cantare in italiano avesse senso. Abbiamo chiamato un’interprete e Rob l’ha provata un paio di giorni. Cantare in francese invece è stato più facile e dovevamo farlo visto che era la lingua madre di Nostradamus. Il suo uso nel finale dell’ultima canzone ‘Humanity’ è stato suggerito dalla necessità di chiudere in modo forte l’album con qualcosa di drammatico. Il testo annuncia la fine dell’umanità, ed alle nostre orecchie è sembrato assai più appropriato che cantarla in inglese.

    Per la stesura di questo album abbiamo lavorato come al solito, io e KK ci siam seduti un di fronte all’altro ed abbiamo creato riff. Siamo come due fratelli gemelli quando creiamo musica. Io so quello che pensa lui, so dove sta andando a parare e viceversa. Ci scambiamo idee con una facilità disarmante, abbiamo quasi un sesto senso. Chi non ci ha mai visto lavorare assieme potrebbe pensare che stiamo giocando, invece che scrivere cose importanti. Creiamo piccoli frame di musica da cui partire, se sono buoni li sviluppiamo, altrimenti li scartiamo. In questo caso, visto la particolarità del progetto abbiamo scartato molto più del normale ed alla fine abbiamo tenuto le parti che avevano il maggior livello di drammaticità."

    ROB HALFORD: Sono convinto che Nostradamus abbia davvero visto qualcosa e che forse sia entrato in contatto con qualche entità: chiamala Dio, chiamala come vuoi. Di questo sono convinto, e penso sia l’aspetto realmente importante. Riusciva a raggiungere con la meditazione o altre tecniche, uno stato di trance. Quando ne usciva, annotava in maniera scrupolosa tutto ciò che aveva visto e solo in seguito lo rielaborava in forma poetica. Come vedi era molto razionale. Tentare di comprendere le emozioni di una persona vissuta cinquecento anni prima, richiede uno sforzo notevole. Ancor più difficile è cantare tutta questa gamma emozionale con la mia voce, avendo dovuto cantare tra l’altro sia in italiano che in francese dato che Nostradamus conosceva entrambe le lingue.

    L’album riassume tutto ciò che nome dei Judas Priest ha significato in tutti questi anni, trasposto in una nuova dimensione. Glenn e KK hanno utilizzato diversi tipi di accordature, di chitarre (elettriche ed acustiche) e di tecniche per caratterizzare al meglio i diversi momenti del disco. Ian e Scott hanno elaborato un tappeto ritmico molto particolare, in funzione dei vari momenti; io ho usato ogni possibile risorsa della mia voce. C’è molta carne al fuoco, molte cose accadono anche contemporaneamente, perché l’ascolto deve essere sempre interessante. Dare coesione e coerenza ad un doppio album è stata una fatica colossale. Ma ne è valsa la pena, perché la gente deve mettersi ad ascoltare “Nostradamus” con lo stesso spirito con cui in passato ha ascoltato e premiato “Operation: Mindcrime”, “Tommy” o “Tabulars Bells”. Non sto a fare paragoni con questi capolavori, li uso solo per spiegare l’ottica più corretta per valutarlo. E’ inevitabile risentire dell’influenza dei grandi concepì che sono diventati modelli di riferimento: ti parlo di quelli citati poco prima e aggiungo pure “The Wall”, “Welcome To My Nightmare” di Alice Cooper e, sebbene non rientrino perfettamente nella categoria, “2112” ed “Hemispheres” dei Rush.



    Le canzoni in sé sono talmente buone che possono piacere anche prese singolarmente, nonostante sia un concept, ma di sicuro l’album va preso nella sua interezza, altrimenti se ne perde il senso. Per il momento non proporremo l’album intero dal vivo ma solo in futuro ed in alcune date speciali. Per ora faremo concerti classici, con due o tre canzoni nuove, hit irrinunciabili e recuperi inaspettati. Di “Nostradamus” ho una grande idea in testa che mi stuzzica molto: produrne una versione teatrale o cinematografica, magari con diversi cantanti presi dal mondo dell’heavy metal. Chissà che effetto farebbe, a chi non conosce affatto questo tipo di musica e magari pensa sempre che sia solo rumore. Vedremo …

     
  3. ^v^ Lestat ^v^

    ^v^ Lestat ^v^
    Expand Collapse
    New Member
    BANNATO

    Registrato:
    27 Settembre 2005
    Messaggi:
    5.989
    "Mi Piace" ricevuti:
    522

    15 Giugno 2008

    Halford è molto amico con Dickinson, Ronnie James Dio e Geof Tale chissà se questa sua ultima osservazione si concretizzerà? Vedere sullo stesso palco questi nomi sarebbe una cosa grandiosa.
    Chi non ha ascoltato l'album lo senta in streaming dal sito della VH1 per farsi un idea anche se ovviamente la qualità dello streaming è quello che è.
     
  4. Bunkowski

    Bunkowski
    Expand Collapse
    Laser Powered Ultrajesus

    Registrato:
    11 Marzo 2006
    Messaggi:
    7.088
    "Mi Piace" ricevuti:
    0

    15 Giugno 2008

    Ho ascoltato il disco solo un paio di volte però finora mi ha lasciato davvero deluso. La ritengo un'opera apatica e soporifera con pochissimi brani validi e molte scelte stucchevoli e inutili. Spero migliori con gli ascolti altrimenti sarà una delusione atroce.:(

    Sulla questione live: la scaletta fatta ad Helsinki è buona però la mancanza di alcune canzoni incredibili (Victim of changes su tutte, ma anche l'accoppiata heavy duty/defenders of the faith) si fa sentire. Contento per la presenza di THe great manalishi che non avri mai creduto di poter vedere in un live.:D
    Comunque a mio avviso questa scaletta non sarà la stessa per tutto il tour ma cambierà da data a data. Di certo questa teoria potrà essere confermata quando si potrà avere la scaletta del Download:P
     
  5. TheWorld

    TheWorld
    Expand Collapse
    Trallallà Metaller

    Registrato:
    6 Giugno 2004
    Messaggi:
    6.033
    "Mi Piace" ricevuti:
    415

    15 Giugno 2008

    grazie dell'intervista... molto molto interessante!
    Mi sembrano veramente orgogliosi del disco il che può farmi solo piacere
     
  6. Rive

    Rive
    Expand Collapse
    Banned
    BANNATO

    Registrato:
    8 Ottobre 2006
    Messaggi:
    6.056
    "Mi Piace" ricevuti:
    77

    15 Giugno 2008

    L'ho ascoltato per la prima volta. Sicuramente mi aspettavo un lavoro meno sinfonico e più metallico. Quanto al disco in sè, la prima impressione è buona, ma non entusiasta. In ogni caso essendo molto lungo ci vorrà sicuramente del tempo e ripetuti ascolti per dare una valutazione più precisa.
     
  7. brightonrock

    brightonrock
    Expand Collapse
    Well-Known Member

    Registrato:
    1 Marzo 2008
    Messaggi:
    4.516
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.152

    15 Giugno 2008

    Terzo ascolto: faccio fatica ad arrivare alla fine. Brutto segno.
     
  8. Daniele "dani66" D'Adamo

    Daniele "dani66" D'Adamo
    Expand Collapse
    Redazione
    Membro dello Staff

    Registrato:
    26 Settembre 2004
    Messaggi:
    27.833
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.669

    15 Giugno 2008

    Ennò, eh!

    L'ho appena ordinato on line! :rage:
     
    #4163
    Ultima modifica: 15 Giugno 2008
  9. The Riddle Master

    The Riddle Master
    Expand Collapse
    Member

    Registrato:
    25 Marzo 2008
    Messaggi:
    357
    "Mi Piace" ricevuti:
    11

    15 Giugno 2008

    Ho appena ascoltato il secondo disco..impressioni ancora positive,anche se molte canzoni sono su tempi lenti ed insoliti per i Preti.
    Ci vedo echi e richiami ai Queen più sinfonici,specie in canzoni come Alone e New Beginnins.
    L'album è buono,non un capolavoro,ma valido..certo non è un disco da ascoltare in macchina andando in giro con gli amici o ad un concerto,è un disco che richiede molti ascolti e concentrazione.
    Poi siamo ancora alle prime impressioni,ma non credo mi pentirò di averci speso 20 euro.
     
  10. brightonrock

    brightonrock
    Expand Collapse
    Well-Known Member

    Registrato:
    1 Marzo 2008
    Messaggi:
    4.516
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.152

    15 Giugno 2008


    Magari a te piace.
     
  11. irondelvif83

    irondelvif83
    Expand Collapse
    Well-Known Member

    Registrato:
    20 Febbraio 2002
    Messaggi:
    6.651
    "Mi Piace" ricevuti:
    160

    15 Giugno 2008

    NESSUN ALBUM è un CAPOLAVORO ad un giorno dall'uscita (anzi dalla pre-uscita dato che ufficialmente esce lunedì) !!
    A ME il secondo CD piace davvero tanto...Alone,Visions,Nostradamus e Future Of Mankind son davvero OTTIME !!!

    Hanno innovato, hanno fatto qualkosa di NUOVO, hanno OSATO e spero che il tempo dia loro ragione delle loro scelte !!!

    P.s.

    Ovviamente chi pretende un DISCO à la Painkiller rimarrà deluso, ma alla fine han già avuto la loro soddisfazione con ANGEL OF RETRIBUTION
     
  12. Worry

    Worry
    Expand Collapse
    New Member

    Registrato:
    16 Marzo 2008
    Messaggi:
    229
    "Mi Piace" ricevuti:
    0

    15 Giugno 2008

    Veramente qui a Milano nei negozi c'è già.
     
  13. brightonrock

    brightonrock
    Expand Collapse
    Well-Known Member

    Registrato:
    1 Marzo 2008
    Messaggi:
    4.516
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.152

    15 Giugno 2008


    Infatti l'ho preso al Libraccio di Porta Venezia.
     
  14. The Riddle Master

    The Riddle Master
    Expand Collapse
    Member

    Registrato:
    25 Marzo 2008
    Messaggi:
    357
    "Mi Piace" ricevuti:
    11

    15 Giugno 2008

    Io l'ho preso al Saturn,dove costa pure un pò meno..
     
  15. brightonrock

    brightonrock
    Expand Collapse
    Well-Known Member

    Registrato:
    1 Marzo 2008
    Messaggi:
    4.516
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.152

    15 Giugno 2008

    Scusate ma perchè molti continuano a far paragoni con Painkiller? Sembra che sia questo il metro di paragone e il capolavoro assoluto. Sad Wings, Stained Class, Killing Machine, British, Screaming, Defenders....quelli non esistono? Ascoltando Nostradamus (che comunque faccio fatica ad assimilare) trovo tutte le caratteristiche che hanno reso unici i Priest. Anche gli intermezzi strumentali di Nostradamus erano gìa present in diversi lavori ormai giurassici (vedi l'intro di Let us Prey da Sin after Sin o il Prelude di Sad Wings, tanto per fare un paio di esempi). Non vorrei che i Priest facessero la fine dei Maiden dove per la maggioranza sono Fear of the Dark e basta. Painkiller è solo uno dei tanti capolavori di Halford & Co., non l'unico e assoluto.
     

Condividi questa Pagina