1. Il regolamento del Forum è stato ripristinato e aggiornato, lo puoi trovare in ogni momento in basso a destra cliccando su "Termini e Condizioni d'uso del sito". Ti preghiamo di leggerlo e di rispettarlo per mantenere il forum un luogo piacevole ed accogliente per tutti. Grazie!
    Chiudi

Islamofobia?

Discussione in 'Attualità e Cultura' iniziata da HeadlessChild, 8 Dicembre 2008.

Status Discussione:
Chiusa ad ulteriori risposte.
  1. Gothfreak

    Gothfreak
    Expand Collapse
    New Member

    Registrato:
    16 Ottobre 2008
    Messaggi:
    227
    "Mi Piace" ricevuti:
    0

    15 Dicembre 2008

    Vuoi mettere la soddisfazione di fare movimento bruciando qualcos'altro? :D
     
  2. Monk

    Monk
    Expand Collapse
    To be a rock and not to roll

    Registrato:
    3 Maggio 2005
    Messaggi:
    61.744
    "Mi Piace" ricevuti:
    97.271

    15 Dicembre 2008

    Mmm, io non la metterei con gli islamici sul piano del "Muro contro muro"...non so, mi sa che ci bruciano prima loro. A te che sei donna, poi...almeno stando a quanto si dice sull'irrecuperabilità della loro dottrina, inadattabile ai tempi moderni...
     
  3. SANdMAN

    SANdMAN
    Expand Collapse
    The vengeance is mine!

    Registrato:
    11 Febbraio 2002
    Messaggi:
    6.759
    "Mi Piace" ricevuti:
    22

    16 Dicembre 2008

    Di certo se già ero in botta da cianoacrilica, adesso pure peggio...:rotfl:

    Continuo a non credere di aver scritto "una marea di cazzate", li ci hai azzeccato, su dov'è e come funziona Rozzano ci hai azzeccato.

    Sinceramente continuo a capire la fobia generale contro l'islam e/o il musulmano. Non ne sono attratto e non credo di esserci dentro, di certo il fatto che, come per faber, aver a che fare con soggetti extracomunitari che sviliscono il paese in cui sono ospitati (nel bene o nel male), che si vantano di poter far questo o quello (oltre al farlo concretamente molto spesso) di certo non aiuta a vedere così tanto positivamente le cose.
    Come ho scritto più volte è una forma di intolleranza bidirezionale, che da un lato alimenta la fobia dall'altra il risentimento che fa aumentare atti sconsiderati e quindi nuovamente altro "cibo" per la fobia.



    Passoparola o uso l'aiuto da casa...

    dicaimo di si, nel senso che mi fanno paura i fanatismi in genere, quindi tanto quello musulmano, quanto quello cristiano (cattolico o protestante che sia), piuttosto che quello indù ecc...


    Ri passoparola.

    marocchini per la precisioine.

    Comunque sia "tecnicamente" sono anch'io un mezzo extracomunitario, visto che sono mezzo svizzero...
     
  4. HeadlessChild

    HeadlessChild
    Expand Collapse
    New Member

    Registrato:
    20 Gennaio 2003
    Messaggi:
    5.565
    "Mi Piace" ricevuti:
    11

    4 Aprile 2009

    Ieri ho visto un dibattito interessante... ..purtroppo in inglese. Cmq,

    The Doha Debates » Past Debates

    "L'islam politico è una minaccia per l'occidente?"

    Ospiti: un ex leader di un partito islamista inglese, ora "pentito" (del partito, non della religione); l'imam 'Abd al Wahid Pallavicini di Milano vicepresidente della comunità musilmana italiana, un ricercatore di origini arabe della Stanford University che si occupa di gruppi islamici, una inglese convertita all'islam, editrice di un giornale della comunita musulmana inglese.

    Vengono fuori cose interessanti... dal "pentito" che mette in guardia dalla "IRRELIGLIOSA ideologia moderna conosciuta come islamismo", all'imam che secondo cui "è pericoloso per l'occidente, per l'oriente, per i musulmani e per tutti i credenti e cittadini, come ogni interpretazione ingannevole della politica ed ogni uso ingannevole religione. La loro attività sta lavando il cervello alle nuove generazioni con l'utopia della rivoluzione islamista, promuovendo una società alternativa artificiale che porta alla ghettizzazione, sulla base di un'interpretazione ingannevole" "è un pericolo [...] si tratta di fuorviare i principi sacri di una religione cercando di legittimare la violenza per avere un'omologazione della società".
    Al che l'editrice però tira fuori una dichiarazione del vice-capo della CIA: "l'islamismo include Bin Laden, ed i Talebani.. e moderati, e liberali. Infatti, può essere qualunque cosa i musulmani decidono che sia".
    Poi il dibattito prosegue in una maniera buffamente simile a quello italiano sulla laicità dello stato, in cui il ricercatore (l'unico non musulmano) ricorda - al primo, che sostiene che la politicizzazione di una religione sia terreno fertile per la discriminazione e l'estremismo, ed al secondo, che teologicamente sostiene che l'islam politico non sia islam, e che l'islamico che fa politica la fa come guida civile, non come rappresentante di una religione - che anche i Repubblicani hanno un'agenda di fondamento religioso e illiberale su molti punti, per esempio la discriminazione degli omosessuali, ma questo non li rende un pericolo per l'occidente.


    A me la morale di tutto questo sembra evidente, e si riassume nelle prime parole dell'editrice: "questa domanda crea un rigido dualismo tra concetti come islam, islam politico, occidente".
    Si danno etichette rigide, con gente sostiene di tutto in nome della che difesa di valori occidentali in cui in realtà gran parte dell'occidente non si riconosce da un pezzo, con gente che avendo letto due cose sul corano pretende di insegnare agli islamici cos'è l'islam dandone una definizione univoca... e lo stesso avviene dall'altra parte ovviamente. Qualcuno direbbe "avviene anche di peggio". Ma è assolutamente falso. Se accadesse che anche da noi le posizioni di estrema destra diventassero maggioritarie (ed il rishcio c'è... e lo sono già state in un passato non lontano) diventeremmo non troppo dissimili dalle autocrazie islamiche. Poi bisognerebbe vedere a QUALE autocrazia potremmo assomigliare... quanto ci potremmo spingere oltre...
    ...già ora comunque forze illiberali, idee di stato confessionale, idee xenofobe, pruriti antidemocratici e spinte belliciste attraversano con forza l'occidente. Ne sono una parte reale e in taluni casi alcuni elementi diventano dominanti.Il male che avviene nel mondo arabo è superiore nella sua dimensione quantitativa, non nella qualitativa... ed in questi tempi di revanscismo dell'estrema destra, visto anche il terreno fertile che la crisi economica potrebbe aprire, le preoccupazioni non mi mancano.
    Il bello di quel dibattito è proprio la sua applicabilità ad altro tipo di questioni. Ha molto da insegnare.
     
    #124
    Ultima modifica: 4 Aprile 2009
  5. Sixxsixxsixx

    Sixxsixxsixx
    Expand Collapse
    Banned
    BANNATO

    Registrato:
    18 Settembre 2006
    Messaggi:
    810
    "Mi Piace" ricevuti:
    0

    4 Aprile 2009


    è questo il punto dell'Islam. Può essere tutto quello che i musulmani vogliono che sia. in tema vi consiglio un libro Islam, Musulmani e Bioetica. Il testo affronta le principali tematiche delle bioetica moderna e mostra come la mancanza di una riconosciuta guida dogmatica e dottrinaria mette in coindizione un qualsiasi Imam o Ulama di imporre la sua parola come verità.
    Il "successo" dell'Islam nel passato e nel presente è proprio quello di dire tutto e non dire proprio nulla.
     
  6. Acid Rain

    Acid Rain
    Expand Collapse
    Oldo

    Registrato:
    14 Luglio 2006
    Messaggi:
    10.730
    "Mi Piace" ricevuti:
    473

    4 Aprile 2009

    Mi ricorda tanto la Bibbia questa frase...:hihi:
     
  7. Ross the Boss

    Ross the Boss
    Expand Collapse
    X-MONA

    Registrato:
    12 Gennaio 2006
    Messaggi:
    10.785
    "Mi Piace" ricevuti:
    7.458

    4 Aprile 2009

    A me i dialoghi filosofici di Luttazzi in "Decameron".

    "La Chiesa continuerà a vendere il suo prodotto"
    "Anche perché l'affermare che c'è vita dopo la morte è un ottimo prodotto: come si può dimostrare il contrario?"

    O qualcosa di simile. Per il resto tutte le religioni collettive vendono più o meno aria fritta (te la fanno anche pagare cara in certi casi).
    Quanto alla varietà di tipologie umane ritrovabili in esse, credo dipenda più dalla natura umana che da quella di una religione in sé: conosco cattolici a favore della tolleranza e cattolici che evitano chi non la pensa come loro e provano fastidio quando vedono persone che "peccano" (spesso in modo alquanto ipocrita).
    L'islam integralista dovrebbe insegnarci che fine si fa a dare ascolto alle persone meno moderate, e per quanto mi riguarda svolge molto bene il suo compito. :D
     
  8. ShineOnYouCrazyDiamond

    ShineOnYouCrazyDiamond
    Expand Collapse
    New Member

    Registrato:
    15 Giugno 2007
    Messaggi:
    2.247
    "Mi Piace" ricevuti:
    0

    4 Aprile 2009

    Si è parlato di Corano come testo da interpretare alla lettera: come la mettiamo coi numerosi "delitti d'onore" le cui vittime sono povere donne "libertine" (libertine magari perché si permettono di andare al mercato senza avvisare il marito), giustificati proprio tramite quanto scritto nel Corano, quando invece questo libro non dice nulla in merito?

    Anzi, se non sbaglio, il Corano aborrisce l'omicidio. Rispondetemi perché son curioso :P
     
  9. Bull Gates

    Bull Gates
    Expand Collapse
    Mecojoni

    Registrato:
    5 Marzo 2007
    Messaggi:
    2.302
    "Mi Piace" ricevuti:
    862

    6 Aprile 2009

    Ognuno ha la testa che si merita, e nei suoi "Libri sacri" ci legge quello che gli pare. L'ermeneutica del Corano non si configura esattamente come una linea unica e condivisa.
    Come diceva il nostro egittologo (egiziano d'Egitto, eh?), nonchè esegeta coranico: "Ci sono un sacco di passaggi che vanno contestualizzati. Certi dettami erano adatti per la popolazione islamica di 1500 anni fa. Applicarli alla situazione odierna è un anacronismo."

    Ma tant'è...
     
  10. artaserse

    artaserse
    Expand Collapse
    New Member

    Registrato:
    24 Febbraio 2009
    Messaggi:
    59
    "Mi Piace" ricevuti:
    0

    6 Aprile 2009

    ''C'erano una volta tre dervisci, che si chiamavano Yak, Do e Se, e venivano rispettivamente dal Nord, dall'Ovest e dal Sud. Avevano una cosa in comune: erano tutti e tre in cerca della Verità Profonda e cercavano una Via.
    Il primo, Yak-Baba, si sedeva in contemplazione finché gli veniva il mal di testa. Il secondo, Do-Agha, si teneva per ore sulla testa finché i piedi gli cominciavano a dolere. Quanto al terzo, Se-Qalandar, leggeva libri finché il naso non gli sanguinava.
    Alla fine decisero di unire i loro sforzi: si ritirarono m un luogo appartato e cominciarono a eseguire i loro esercizi all'unisono, sperando di concentrare una quantità di sforzo sufficiente a provocare l'apparizione della Verità, che chiamavano la Verità Profonda.
    Perseverarono così per quaranta giorni e quaranta notti. Infine, in un vortice di fumo bianco, come se sorgesse dal suolo, apparve la testa di un vegliardo. "Sei Khidr, la misteriosa guida degli uomini?", chiese il primo. "No, si tratta del Qutub, il Polo dell'Universo", disse il secondo. "Sono convinto che è uno degli Abdal. i 'trasformati'", sostenne il terzo.
    "Non sono nessuno di loro", ruggì l'apparizione, "ma sono ciò che voi credete che io sia. Ora, non desiderate tutti e tre la stessa cosa, ciò che chiamate la Verità Profonda?".
    "Si, maestro", risposero in coro.
    "Non avete mai sentito il detto: 'Esistono tante vie quanti cuori umani?'", chiese il vegliardo. "Comunque, ecco quali sono le vostre vie: il primo derviscio viaggerà nel paese degli idioti; il secondo derviscio dovrà scoprire lo Specchio Magico; il terzo derviscio chiederà aiuto al Ginn del Vortice". Detto ciò, l'apparizione svanì.
    I dervisci si misero subito a discutere, non solo perché avrebbero voluto saperne di più prima di mettersi in viaggio, ma anche perché, pur avendo già seguito vie diverse, ognuno credeva che ci fosse una sola via: la propria, naturalmente.
    Ora, però, nessuno dei tre era sicuro che la propria via fosse abbastanza efficace, benché avesse contribuito all'arrivo dell'apparizione, di cui non conoscevano ancora il nome.
    Yak-Baba fu il primo a lasciare la sua cella e, anziché chiedere a tutti, come aveva fatto in precedenza, dove trovare un uomo di conoscenza nei dintorni, chiedeva a tutti coloro che incontrava se conoscevano il paese degli idioti. Dopo molti mesi, qualcuno gli dette finalmente l'informazione ed egli vi si diresse. Quando entrò in quel paese, vide una donna che portava una porta sulle spalle. "Donna, perché fai questo?", chiese.
    "Perché questa mattina, prima di andare al lavoro, mio marito mi ha detto: 'Moglie, la nostra casa contiene oggetti di valore! Che nessuno varchi questa porta!'. Quindi, quando sono uscita me la sono portata via, perché nessuno possa passarci. E ora, per favore, tu fa passare me'.
    "Vuoi che ti dica una cosa che ti permetterà di liberarti dalla necessità di sorreggere questa porta sulle spalle?", chiese il derviscio Yak-Baba.
    "No di certo", rispose la donna. "L'unica cosa che potresti fare per aiutarmi è dirmi come alleggerire il peso di questa porta".
    "Questo non posso farlo", disse il derviscio. E quindi si separarono.
    Un po' più in là vide un gruppetto di persone. Si avvicinò e vide che tremavano di. paura davanti a un'enorme anguria che era cresciuta nel campo. "Non abbiamo mai visto un mostro simile prima d'ora", gli dissero; "crescerà sicuramente ancora e ci ucciderà tutti. Abbiamo paura di toccarlo ...".
    "Volete che vi dia qualche spiegazione al riguardo?".
    "Non fare l'idiota! Uccidilo e ti ricompenseremo, ma non vogliamo sapere niente al riguardo!". Allora il derviscio tirò fuori il coltello, si avvicinò all'anguria, ne tagliò una fetta e si mise a mangiarla.
    I presenti lanciarono urla di terrore e gli diedero una manciata di monete. Mentre se ne stava andando gli dissero: "Non tornare più, Onorevole Sterminatore di Mostri. Non tornare per ucciderci allo stesso modo!".
    E fu così che imparò, a poco a poco, che per sopravvivere nel paese degli idioti bisognava anche essere capaci di pensare e parlare come un idiota. Dopo qualche anno riuscì a riportare alcuni di quegli idioti alla ragione, e un giorno ricevette la sua ricompensa: la Conoscenza Profonda. Tuttavia, benché nel paese degli idioti fosse diventato un santo, gli abitanti si ricordarono di lui solo come l'Uomo che Sventrò il Mostro Verde e Bevve il suo Sangue. Cercarono di imitarlo per pervenire alla Conoscenza Profonda, ma non ci riuscirono mai.
    Nel frattempo, Do-Agha, il secondo derviscio, stava viaggiando in cerca della Conoscenza Profonda. Anziché chiedere, ovunque andasse, quali erano i saggi del luogo o i nuovi esercizi o le nuove posizioni, chiedeva semplicemente se qualcuno avesse mai sentito parlare dello Specchio Magico. Molte risposte lo sviarono su false piste, ma alla fine capì dove poteva trovarsi: si trovava in un pozzo, sospeso a un filo sottile quanto un capello. Lo specchio stesso non era che un frammento, perché era composto da tutti i pensieri degli uomini e non c'erano abbastanza pensieri per comporre un intero specchio.
    Quando ebbe sconfitto il demone che lo custodiva, Do-Agha guardò nello specchio e chiese la Conoscenza Profonda, ottenendola all'istante. Si stabilì in quel luogo e insegnò felicemente per lunghi anni. I suoi discepoli, tuttavia, non seppero mantenere lo stesso grado di concentrazione necessario per rinnovare regolarmente lo specchio, che finì per svanire completamente. Eppure, c'è ancora gente oggi che guarda negli specchi credendo che si tratti dello Specchio Magico di Do-Agha il derviscio.
    Quanto al terzo derviscio, Se-Qalandar, cercò dappertutto il Ginn del Vortice. Questo Ginn era
    conosciuto sotto molti altri nomi, cosa che il Qalandar ignorava, sicché questi si ritrovò spesso sulle tracce del Ginn mancandolo sempre per poco, in quanto in certi luoghi non era considerato un Ginn, mentre in altri nessuno lo associava a un vortice.
    Infine, dopo molti anni, entrò un giorno in un villaggio e chiese agli abitanti: "Qualcuno di voi ha mai sentito parlare del Ginn del Vortice?".
    "Non ho mai sentito parlare del Ginn", disse qualcuno, "ma questo villaggio si chiama Vortice".
    Qalandar si gettò a terra gridando: "Non lascerò questo posto finché non mi apparirà il Ginn del Vortice".
    Il Ginn, che era nascosto nelle vicinanze, si avvicinò al derviscio vorticando e gli disse: "Derviscio, non ci piace che gli stranieri si avvicinino al nostro villaggio. Ecco perché sono venuto fino a tè. Che cerchi?".
    "Cerco la Conoscenza Profonda, e un giorno mi è stato detto che tu potresti darmi i mezzi per raggiungerla".
    "È vero, posso farlo", disse il Ginn. "Hai sopportato molte prove. Tutto ciò che ti resta da fare è ripetere una certa formula, cantare un certo canto, compiere una certa azione ed evitare di compierne un'altra. Solo allora raggiungerai la Conoscenza Primaria"
    II derviscio ringraziò il Ginn e cominciò a mettere in atto il programma che gli aveva fissato. Passarono mesi e anni, prima di riuscire a eseguire gli esercizi e recitare le sue preghiere correttamente. La gente andava da lui, lo osservava e cercava di imitarlo, tanto era il suo zelo e la sua reputazione di uomo pio e meritevole.
    Finalmente, il derviscio raggiunse la Conoscenza Profonda. Lasciò dietro di sé un gruppo di devoti, che perpetuarono i suoi metodi. Naturalmente, non raggiunsero mai la Conoscenza Profonda, dato che avevano cominciato laddove si era concluso il ciclo di studi del derviscio.
    E adesso, ogni volta che gli adepti di quei tre dervisci si incontrano, si sente sempre qualcuno dire: "Vedete questo specchio? Guardatelo a lungo e finirete per raggiungere la Conoscenza Profonda".
    "Sacrificate un'anguria", risponde allora un altro, "e sarete aiutati come lo è stato il derviscio Yak-Baba".
    "È assurdo", interviene sempre un terzo. "Non esiste altra via all'infuori di quella che consiste nel perseverare nello studio, nel praticare alcune posizioni, nel dedicarsi alla preghiera e nel fare del bene".
    Quando ebbero raggiunto di fatto la Conoscenza Profonda, i tre dervisci scoprirono al tempo stesso la loro impotenza ad aiutare coloro che lasciavano dietro di sé, così come un uomo portato via dalla marea può vedere un uomo sulla riva inseguito da un leopardo, ed essere incapace di aiutarlo.''
     
    #130
    Ultima modifica: 6 Aprile 2009
  11. FallFromGrace

    FallFromGrace
    Expand Collapse
    Active Member

    Registrato:
    19 Settembre 2002
    Messaggi:
    2.440
    "Mi Piace" ricevuti:
    5

    8 Aprile 2009

    Il mio motto con le persone che mi circondano è sicuramente: vivi e lascia vivere. In ogni caso nessuno potrà mai farmi digerire le religioni in generale.
    I passi che hai citato Headless ne sono una dimostrazione lampante.
    Quindi pur lasciando libero ogni uomo di esprimere le proprie convinzioni e idee non sono costretto (per fortuna) a rendermi simpatici né certi cattolici né cristiani o musulmani che siano. L'Islam è sostanzialmente una religione arcaica ed arretrata (vi sono dati di fatto e circostanze che lo dimostrano), come tutte le religioni è tutto ed il contrario di tutto, classica caratteristica di quasi tutti i culti, che vivono sulla contraddizione, voluta appositamente per creare confusione, in modo tale da utilizzare un passaggio a piacimento rielaborandolo come conviene ed adattandolo alle situazioni che si presentano. Non mi saranno mai simpatici pertanto gli integralisti guerrafondai che in questo momento, purtroppo, possiamo ricondurre specificatamente alla religione musulmana se notiamo nel mondo che tipo di reazione essi hanno nei confronti delle culture diverse dalla propria. Il cambiamento comunque e l'aiuto passa attraverso il dialogo e la maturità, spero realisticamente parlando che tra 50 anni vi sia una minore ottusità da parte della gran parte dei credenti di questa religione.
     
  12. RUHM & EHRE

    RUHM & EHRE
    Expand Collapse
    Banned
    BANNATO

    Registrato:
    22 Marzo 2009
    Messaggi:
    28
    "Mi Piace" ricevuti:
    0

    15 Aprile 2009

    [​IMG]
     
  13. Bull Gates

    Bull Gates
    Expand Collapse
    Mecojoni

    Registrato:
    5 Marzo 2007
    Messaggi:
    2.302
    "Mi Piace" ricevuti:
    862

    19 Aprile 2009

    E' il nuovo logo dei Bad Religion?
     
  14. ShineOnYouCrazyDiamond

    ShineOnYouCrazyDiamond
    Expand Collapse
    New Member

    Registrato:
    15 Giugno 2007
    Messaggi:
    2.247
    "Mi Piace" ricevuti:
    0

    20 Aprile 2009

    Anche loro si saran posti il problema di garantire il pluralismo...
     
  15. Gothfreak

    Gothfreak
    Expand Collapse
    New Member

    Registrato:
    16 Ottobre 2008
    Messaggi:
    227
    "Mi Piace" ricevuti:
    0

    21 Aprile 2009

    [​IMG]

    Mancava questo, che mi sembra il più importante.
     
Status Discussione:
Chiusa ad ulteriori risposte.

Condividi questa Pagina