1. Il regolamento del Forum è stato ripristinato e aggiornato, lo puoi trovare in ogni momento in basso a destra cliccando su "Termini e Condizioni d'uso del sito". Ti preghiamo di leggerlo e di rispettarlo per mantenere il forum un luogo piacevole ed accogliente per tutti. Grazie!
    Chiudi

Facebook: il nuovo profilo NOOOO (paranoie, opzioni, problemi, ecc.)

Discussione in 'Sondaggi' iniziata da Daniele "dani66" D'Adamo, 19 Maggio 2009.

  1. sciacallo010

    sciacallo010
    Expand Collapse
    MungoPolipiPerSoldi
    Membro dello Staff Webmaster

    Registrato:
    4 Maggio 2009
    Messaggi:
    20.556
    "Mi Piace" ricevuti:
    14.638

    22 Marzo 2018

    I messaggi ricevuti da una pagina possono essere letti da tutti coloro che la gestiscono, i messaggi che ricevi sul tuo profilo personale solo da te.
     
  2. Dwight Fry

    Dwight Fry
    Expand Collapse
    Non so se ringraziarti o...

    Registrato:
    20 Gennaio 2009
    Messaggi:
    6.617
    "Mi Piace" ricevuti:
    6.932

    22 Marzo 2018

    Ok, quindi "messaggi della pagina" e "messaggi del profilo" sono cose diverse. Mi confermi però che i messaggi vengono "concatenati"? Nel senso: ricevo da te un messaggio sulla mia pagina, poi un altro sul profilo. Quando andrò a rispondere al secondo visualizzerò pure quello che mi hai spedito sulla pagina?
     
  3. sciacallo010

    sciacallo010
    Expand Collapse
    MungoPolipiPerSoldi
    Membro dello Staff Webmaster

    Registrato:
    4 Maggio 2009
    Messaggi:
    20.556
    "Mi Piace" ricevuti:
    14.638

    22 Marzo 2018

    Se vuoi leggere quello che ti ho mandato sulla pagina vai sulla pagina e apri i messaggi della pagina.
    Per leggere quello che ho mandato a te personalmente apri i tuoi messaggi.
    Non penso ci sia modo di vederli insieme, per così dire.
     
  4. Dwight Fry

    Dwight Fry
    Expand Collapse
    Non so se ringraziarti o...

    Registrato:
    20 Gennaio 2009
    Messaggi:
    6.617
    "Mi Piace" ricevuti:
    6.932

    22 Marzo 2018

    Quindi sono comunicazioni disgiunte.
    Il mio timore in poche parole era questo: pensavo che i collaboratori, aprendo la messaggistica della pagina, potessero leggere un messaggio da me ricevuto sul profilo, qualora a contattarmi (in un caso e nell'altro) fosse stato il medesimo utente di Facebook.
    Per capirci, immagina questa situazione: tu hai il tuo profilo ma un bel giorno crei una fan-page nella quale parli solo dei Blind Guardian (argomento a caso...) e decidi di portarla avanti con l'aiuto di un amico. Hansi Kursch viene a conoscenza dei tuoi sforzi, prende informazioni sui gestori della pagina e ti manda un messaggio sul profilo per invitarti a Krefeld. Il tuo amico invece non viene invitato perché nella foto della pagina ha una maglietta col volto di Jon Schaffer.
    Successivamente Hansi ti manda un messaggio sulla pagina per chiederti un'informazione: se l'amico che ti aiuta a gestirla dovesse aprire il messaggio, avrebbe l'opportunità di leggere anche quello che Hansi ti aveva inviato sul profilo?
    Era questo il mio dubbio, perché da qualche parte credevo di aver letto che Facebook "concatenasse" i messaggi. Ma se mi dici che si tratta di aspetti diversi e separati allora sto più tranquillo.
     
    A sciacallo010 piace questo elemento.
  5. Dwight Fry

    Dwight Fry
    Expand Collapse
    Non so se ringraziarti o...

    Registrato:
    20 Gennaio 2009
    Messaggi:
    6.617
    "Mi Piace" ricevuti:
    6.932

    24 Marzo 2018

    Altra domanda cretina: leggo ovunque che, in caso di violazione del copyright, Facebook elimina subito il video incriminato. Eppure noto una marea di brani musicali in giro, com'è possibile?
     
  6. Thrashead

    Thrashead
    Expand Collapse
    Ki Ki Ki Ma Ma Ma

    Registrato:
    23 Dicembre 2010
    Messaggi:
    25.641
    "Mi Piace" ricevuti:
    13.836

    24 Marzo 2018

    boh?! forse perché sono video di YouTube che fa già da filtro, e quindi si presuppone che se Youtube li pubblica, sono ok
     
  7. DiZ

    DiZ
    Expand Collapse
    Gold Member

    Registrato:
    25 Dicembre 2014
    Messaggi:
    2.176
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.211

    24 Marzo 2018

    Diciamo che Facebook è più che lieta di sorvolare se i post finiscono per generare traffico.
    Le leggi sul copyright, poi, sono applicabili solo in certi casi. in America per esempio esiste il Fair Use che consente di usare materiale a patto che si crediti l'artista e non lo si faccia a scopo di lucro(possono essere colpiti solo sotto specifica richiesta dell'autore o di chi per lui). Cose simili ci sono anche Europa ed in genere alle band metal, a meno di titani, non conviene fare claim per togliere le canzoni in quanto gli costerebbe troppo entrare in un eventuale processo(nel caso ci fossero) ed è insito nel genere farsi pubblicità con il passaparola tra fan.
     
  8. The Cerberman

    The Cerberman
    Expand Collapse
    Dance with me tonight... or die tomorrow!!!

    Registrato:
    21 Luglio 2009
    Messaggi:
    1.755
    "Mi Piace" ricevuti:
    245

    29 Marzo 2018

    Articolo scritto da me in cui mi soffermo sugli atteggiamenti fastidiosi tenuti dal popolo di Facebook, con aria volutamente un po' polemica.

    l'editoriale di splinter
     
  9. Maelstrom

    Maelstrom
    Expand Collapse
    To Mega Terron
    Membro dello Staff Moderatore

    Registrato:
    1 Dicembre 2013
    Messaggi:
    9.777
    "Mi Piace" ricevuti:
    8.630

    4 Aprile 2018

    Per me, mille volte meglio i forum che Facebook, anzi spero che i primi possano tornare in auge dopo anni di oblio imposto da questo egocentrismo del razzo. Il problema non è Fecciabuco come dico sempre, quanto come li usa, come qualsiasi altra cosa. Nel mio caso, fan davvero ridere causa pateticità tutti quei personaggi "...eh ma io non uso facebook! Zuck fuckerberg!" e poi sputtanano tutta la loro vita su Instagram o forum o siti o cherazzosannoloro. Oggi avere un alter ego digitale è un'esigenza, bisogna ammetterlo, se non altro per un utilizzo almeno utile su cose davvero proficue (io uso Facebook per gestire la parte social di TrueMetal nel mio piccolo e stringere rapporti con musicisti/promoter/popolo dei concerti, quindi la base è sempre TrueMetal e le attuali amicizie dipendon tutte dal mio operato di mix tra Facebook e TrueMetal)., il vero problema è quanto, sul serio, i nostri dati vengon sputtanati ai quattro venti.
    Ma in fondo succedeva già prima con Google ed ancor prima con Myspace quindi, diciamo che...sì mi fan ridere quelli che urlano di non volercisi iscrivere, su Facebook, perché "Testadizzuccambergo si fotte tuttidatiiii" e poi usano il browser senza la navigazione anonima ad esempio...eeeeeh che razzo devo dire a certa gente. fate quel che volete ma non credetevi furbi quando alla fine in un modo o nell'altro venite comunque fregati di quel di cui vi vantate!
     
  10. sciacallo010

    sciacallo010
    Expand Collapse
    MungoPolipiPerSoldi
    Membro dello Staff Webmaster

    Registrato:
    4 Maggio 2009
    Messaggi:
    20.556
    "Mi Piace" ricevuti:
    14.638

    12 Febbraio 2019

    Direi che questo è il topic più adatto per questa discussione.

    Parto da questo: Quando le bufale fanno comodo: Luca Donadel difende Saolini contro i «poveri dementi» - Open
    Anche se non riconoscete il nome Saolini (io stesso l'ho scoperto giusto qualche giorno fa), probabilmente riconoscerete la sua faccia, faccia protagonista di tantissimi video che "trollano" pentastellati, complottisti e ritardati vari.
    Metto trollano tra virgolette perché se una volta mi faceva ridere, da tempo ormai penso che sapendo che è pieno di fessi che credono a queste cose diffondere questo genere di video sia irresponsabile, se una volta era semplice trollaggio ormai è a tutti gli effetti fake news che diffondono messaggi folli.

    Sotto al link di cui sopra postato su FB da Mentana ho trovato il seguente commento che condivido al 200%
    Niente, questo commento mi ha fatto pensare e volevo condividerlo, aggiungo un "cosa ne pensate?" giusto per non fare un monologo :hihi:
     
  11. requiemscript

    requiemscript
    Expand Collapse
    Bradipandoom (cit.)

    Registrato:
    16 Ottobre 2009
    Messaggi:
    6.370
    "Mi Piace" ricevuti:
    4.677

    12 Febbraio 2019

    Il punto riguardo l'educazione digitale delle masse è talmente dolente da necessitare massicce dosi di morfina. Ti trovi gente che non sa nemmeno accendere un PC attaccata tutto il giorno ai social network tramite gli smartphone, e che fondamentalmente non ha nemmeno la più vaga idea di cosa stia facendo, salvo lamentarsi e piangere quando qualcuno gli buca gli account, gli frega dati sensibili e cose del genere. La cosa più pericolosa è che si è dato accesso a troppi "ignoranti digitali" a un mondo che costoro vedono come l'unica fonte libera e affidabile di tutte le risposte...e il bello è che a forza di cercare trovi comunque le risposte che preferisci. Internet per essi è Dio (Neil Gaiman ci aveva visto giusto...), e di conseguenza si comportano come fedeli fanatici di una religione: spengono il cervello, e non c'è speranza di farli ragionare, nemmeno sbattendogli in faccia i fatti. Sarò un catastrofista, ma tutto ciò rischia di diventare ancora più pericoloso delle religioni, perchè qui non c'è un intermediario: il tuo Dio (Internet), parla direttamente con te, senza bisogno del prete, dell'imam o del rabbino. Non c'è una sovrastruttura che da un minimo di organizzazione (per quanto con secondi fini): c'è il caos di infiniti personaggi ciascuno convinto di avere la verità assoluta in tasca, una totale incapacità di distinguere il vero dal falso e una malsana voglia di buttarsi a testa bassa nella mischia virtuale, aizzato anche dalla possibilità di non metterci la faccia. Infine ci sono quelli che ignoranti digitali non sono, ma se ne approfittano destramente (Casaleggio & co?), peggiorando ulteriormente la situazione.

    Se penso che quando, nei primi anni 2000, a scuola ebbi i primi contatti con Internet rimasi stupefatto dalla quantità di cose interessanti che potevo trovarci dentro, mi vien male a vedere come si è ridotto. Il più grande strumento mai inventato dall'uomo ridotto a una discarica piena di topi di fogna rabbiosi.
     
  12. sciacallo010

    sciacallo010
    Expand Collapse
    MungoPolipiPerSoldi
    Membro dello Staff Webmaster

    Registrato:
    4 Maggio 2009
    Messaggi:
    20.556
    "Mi Piace" ricevuti:
    14.638

    12 Febbraio 2019

    Sono d'accordo, anche se un po' meno catastrofista.

    Ma la soluzione è Saolini? (non dico che lo è per te) Fare video che al massimo fanno ridere chi sa già come funziona internet, e ai quali chi non lo sa crede ciecamente?
    Mi è piaciuto quel commento perché identifica bene il fenomeno: Saolini e i suoi seguaci si fanno le seghe a vicenda ridendo dei "poveri dementi", ma non fanno altro che alimentare la demenza con i loro video.

    La soluzione sono quei santi che fanno il fact-checking delle bufale, non crearne di nuove per deridere i fessi che ci cascano.
     
  13. requiemscript

    requiemscript
    Expand Collapse
    Bradipandoom (cit.)

    Registrato:
    16 Ottobre 2009
    Messaggi:
    6.370
    "Mi Piace" ricevuti:
    4.677

    12 Febbraio 2019

    Boh, io di soluzioni non ne vedo. Sicuramente un atteggiamento come il suo non aiuta (anche se ammetto che la tentazione di sbeffeggiare il prossimo in quella maniera a volte sia forte), visto che l'unico effetto che provoca è riempire Internet con ulteriori fregnacce. Purtroppo anche il fact-checking ritengo sia poco utile in questo caso, pur ammirando gente come quelli di Butac. Si, forse riescono a convincerne alcuni, ma per quelli che convincono ce ne sono dieci volte tanti che raddoppiano i paraocchi e li ricoprono di accuse assurde. Se il problema non viene preso sul serio a monte rendendo l'alfabetizzazione digitale un punto fondamentale dell'istruzione di ciascuno, ogni loro sforzo continuerà ad essere un palliativo. Unito a questo, ritengo ancora più necessario rimettere al centro la cultura come valore fondamentale. Non basta la capacità tecnica nell'usare i mezzi informatici, ma serve anche la coscienza di cosa fare con essi.
     
  14. Thrashead

    Thrashead
    Expand Collapse
    Ki Ki Ki Ma Ma Ma

    Registrato:
    23 Dicembre 2010
    Messaggi:
    25.641
    "Mi Piace" ricevuti:
    13.836

    12 Febbraio 2019

    Mai sentito parlare di Saolini, però convengo con quanto quotato.
    Oggi purtroppo c'è gente che crede a tutto quello che passa su internet, non perché cretina ma perché abituata alle notizie su carta stampata, dove i giornalisti ovviamente non avevano intenzione di trollare i propri lettori
     
  15. Dwight Fry

    Dwight Fry
    Expand Collapse
    Non so se ringraziarti o...

    Registrato:
    20 Gennaio 2009
    Messaggi:
    6.617
    "Mi Piace" ricevuti:
    6.932

    13 Febbraio 2019

    Non conosco il soggetto che citi ma conosco il problema in sé. Nel tempo ho compreso (credo) che in molti casi la demenza c'è già, o meglio: deve esserci già, per credere a una bufala di un certo livello. L'esempio di ALT + F4 non so se regge perché un conto è la bufala verosimile, che può sviare l'ignorante (alla lettera: colui/colei che ignora qualcosa, quindi sostanzialmente tutti); un conto è la bufala galattica, che può sviare chi ha in sé la demenza o i prodromi della demenza.
    Ovviamente le bufale possono cambiare significato e portata col trascorrere del tempo: se negli anni Trenta una persona, in buona fede, sosteneva che ci fossero dei protocolli in cui vecchi ebrei dalle barbe lunghe svelavano il loro piano per la conquista del mondo... era ignoranza. Crederci oggi è molto più grave, per cui all'ignoranza si assomma quella che stiamo definendo "demenza".

    Potevi descriverla come "una valvola di sfogo per gente con molteplici problemi psicosociali" ma ammetto che "topi di fogna rabbiosi" è molto più efficace. La vedo anch'io così e mi stupisco puntualmente della rabbia (chiaro sintomo di qualcosa di più grave a livello individuale, trattandosi di una rabbia del tutto priva di funzione sociale) che si respira muovendosi per la rete. I commenti sul Tubo e sui quotidiani online sono qualcosa di agghiacciante, ogni volta faccio la cazzata di scorrere la pagina verso il basso e mi riprometto di non farlo più.

    Straquoto. Sono anni che ripeto quanto sia forte la correlazione tra la caduta di popolarità e autorevolezza della cultura (di un certo tipo di cultura, meglio dire) e l'insorgere della demenza social.
     

Condividi questa Pagina