1. Il regolamento del Forum è stato ripristinato e aggiornato, lo puoi trovare in ogni momento in basso a destra cliccando su "Termini e Condizioni d'uso del sito". Ti preghiamo di leggerlo e di rispettarlo per mantenere il forum un luogo piacevole ed accogliente per tutti. Grazie!
    Chiudi

Droghe: svago innocente o crimine da punire?

Discussione in 'Attualità e Cultura' iniziata da Asperger, 5 Luglio 2008.

  1. angusyoung

    angusyoung
    Expand Collapse
    Active Member

    Registrato:
    6 Maggio 2002
    Messaggi:
    1.788
    "Mi Piace" ricevuti:
    4

    10 Novembre 2008

    BOLLETTINO ENCOD SULLA POLITICA DELLE DROGHE IN EUROPA
    NR. 45 NOVEMBRE 2008
    IL DIRITTO ALLA SALUTE


    Mentre chi può inizia a godere dei frutti dell’ultimo raccolto, altri stanno continuando a veder negato anche il diritto ad accedere a quella che per loro è una fonte di benessere indispensabile. La criminalizzazione di piante con riconosciuti usi terapeutici causa le contraddizioni più estreme fra le leggi, l’interpretazione delle stesse, la realtà ed il diritto alla salute. Problema che rimane comune a tutta l’Europa, dove un cittadino non sembra poter scegliere se utilizzare una pianta per il suo benessere, se la stessa rientra tra quelle sancite illegali ("controlled") dalle Convenzioni Internazionali, anzi rischia di essere considerato un criminale.
    E mentre in Sri-Lanka il ministero delle medicine indigene si appresta a coltivare 4000 kg di cannabis medicinale, viene approvato dall’UE il finanziamento alle colture di tabacco, che messo sul mercato uccide milioni di persone l’anno (e che dire dei nicotinoidi usati in agricoltura che stanno facendo strage di api?) ma garantisce lauti guadagni alle industrie ed ai governi.


    In Italia, nonostante il clima repressivo ed anti-scientifico instaurato in materia di droghe dall’attuale governo, il cui Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle droghe Giovanardi ha recentemente confermato che "tutte le droghe sono uguali", e che "anche una sola volta brucia il cervello" (godetevi lo spot), ancora resistono feste del raccolto in varie città. Si tenta di non perdere quello che in questi anni ha rappresentato la possibilità di mettere in pratica e rivendicare ciò che dovrebbe essere diritto di ogni cittadino, cioè coltivare una pianta che è parte del patrimonio botanico del pianeta, per il suo proprio uso personale. In alcune città parte del raccolto, come già succede da anni, è stato donato ai pazienti.
    Il caso di uno di loro, Fabrizio Pellegrini, membro dell’associazione P.I.C. (Pazienti Impazienti Cannabis), è un paradigma della situazione paradossale creatasi in Italia. Pianista e pittore, affetto da artrite reumatoide, è in possesso della prescrizione medica per la cannabis medicinale prodotta dal ministero olandese della Sanità (Bedrocan), con la quale si era già curato per qualche mese importandola tramite la Asl cittadina, a sue spese.
    Ma dato l’alto costo da pagare e la scarsa regolarità terapeutica di quella ’istituzionale’, ha tentato di coltivare tutte le primavere sul balcone di casa le piante a stento sufficienti al suo fabbisogno. Non gli viene neanche permesso di arrivare alla fine del ciclo, ogni anno nella sua casa avviene l’irruzione, il sequestro delle piante e la relativa denuncia. Ha collezionato una decina di processi per coltivazione a suo carico, ed ha scontato 4 mesi di carcere preventivo, solo per non voler accettare di rifornirsi al mercato nero (non è reato penale, pazienza se si finanzia la mafia e si rischia la salute anzichè curarsi), e per non avere il denaro sufficiente a comprare il Bedrocan.
    Ma Fabrizio, dopo essersi visto distruggere la vita privata e screditare il suo valore come artista, oggi in Italia rischia concretamente moltissimi anni di carcere, considerato dalla nuova legge non un cittadino malato titolare di diritti ma un pericoloso pregiudicato recidivo su cui esercitare tolleranza zero. Ha coltivato, e se lasciato libero o agli arresti domiciliari, a causa del suo stato di necessità medica potrebbe addirittura ’reiterare il reato’, per non soffrire, come del resto ha già fatto più volte e per cui è stato condannato in due procedimenti finora.
    Come anche in altri paesi europei siamo di fronte ad un discrepanza rispetto all’accesso allo stesso diritto alla salute che si sta rivelando sempre più a 2 classi. Solo chi possiede le risorse economiche e trova la disponibilità di un medico può permettersi l’accesso alla cannabis medicinale, mentre la maggior parte dei pazienti se vogliono beneficiare delle proprietà della pianta che li cura sono costretti all’illegalità. La questione del diritto alla salute, riconosciuto come fondamentale dalle Costituzioni dei vari Paesi, da diversi trattati internazionali sui diritti umani come ad es. Il Patto Internazionale dei Diritti Economici, Sociali e Culturali delle Nazioni Unite (art. 12) e ben in evidenza nell’atto costituivo dell’OMS, sembra quindi decadere in buona parte d’Europa quando la sostanza usata per mantenere o migliorare la propria salute rientra tra le piante considerate illegali.
    Stesso discorso vale infatti anche per la pianta della coca che ha una lunga storia comprovata di uso culturale e medicinale, riconosciuto dalle stesse Nazioni Unite nella Convenzione contro il Traffico Illecito di Stupefacenti del 1988, in cui si riconosce a Perù e Bolivia il diritto di coltivare una quantità limitata al mercato interno. Ma sarebbe interessante anche pensare all’utilizzo del mate e altri prodotti nel trattamento di persone che vogliono smettere di consumare cocaina, visto che apparentemente riduce il forte desiderio di consumare questa sostanza.
    Auspichiamo, e faremo pressioni in tal senso, che l’Agenzia Europea per i diritti fondamentali (FRA), che ha il compito di monitare il rispetto degli stessi in Europa, metta in pratica il suggerimento della Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni del Parlamento Europeo (report Catania, punto 33) e che ponga al più presto fra i suoi obiettivi uno studio dell’impatto delle politiche sulle droghe sui diritti umani.
    Encod in collaborazione col governo basco sta organizzando uno studio sulla partecipazione delle organizzazioni di consumatori di droghe nel disegno della politica sulle droghe in Europa. Questo studio comprende un questionario a cui le organizzazioni di consumatori sono invitate a rispondere e un tavolo di discussione che avrà luogo a Vitoria, Paesi Baschi, Spagna dal 21 al 23 novembre. Prosegue anche il lavoro in collaborazione con altre organizzazioni per l’evento del 1 e 2 dicembre a l’Aia dove avrà luogo un “Tribunale della Cannabis”.


    Per Fabrizio, si stanno preparando azioni di supporto e un’asta telematica di solidarietà dei suoi quadri per raccogliere i fondi necessari alla campagna. La data di una sua udienza è a ridosso del 10 dicembre, giornata mondiale dei diritti umani, in cui gli verrà anche dedicata una delle sagome del monumento “Tutti potenziali bersagli” in una importante piazza di Roma.
    Per non lasciare con l’amaro in bocca concludiamo con due buone notizie di questi giorni. La prima è la riapertura da parte della magistratura di Perugia del caso di Aldo Bianzino, deceduto misteriosamente in carcere il giorno dopo essere stato arrestato per coltivazione. La seconda potrebbe riaprire in Italia uno spiraglio a livello giudiziario dopo la sentenza delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione di aprile 2008 in cui si negava l’equiparazione della coltivazione per uso personale al semplice possesso. Un giudice ha assolto i componenti di una comunità ispirata agli indiani d’America dall’accusa di coltivazione di 79 piante. Fatto che accende la possibilità di riaprire il dibattito a livello nazionale anche per quanto riguarda i Cannabis Social Club.
    Importante anche la storica sentenza in Olanda, dove la Corte Suprema ha assolto un malato di sclerosi multipla dall’accusa di coltivazione. Ma lì comunque il ricorso era contro una multa di 250 euro....
    Per: Alessandra Viazzi
     
  2. Sixx77

    Sixx77
    Expand Collapse
    Man Must Explore...

    Registrato:
    8 Novembre 2004
    Messaggi:
    12.527
    "Mi Piace" ricevuti:
    470

    10 Novembre 2008

    Mamma mia...
    che scientificità!

    Sopratutto ovviamente per quanto riguarda la nostra repressivissima Italia!
     
  3. Andrew metal

    Andrew metal
    Expand Collapse
    Insane subject

    Registrato:
    27 Giugno 2005
    Messaggi:
    7.536
    "Mi Piace" ricevuti:
    10

    10 Novembre 2008

    Molto interessante...soprattutto il primo pezzo dello Sri Lanka non sapevo
     
  4. angusyoung

    angusyoung
    Expand Collapse
    Active Member

    Registrato:
    6 Maggio 2002
    Messaggi:
    1.788
    "Mi Piace" ricevuti:
    4

    12 Novembre 2008

    Olanda. Dal 1 dicembre proibiti i funghi allucinogeni

    [​IMG] I funghetti allucinogeni entreranno nella lista nera delle droghe proibite in Olanda a partire dal primo dicembre. E' quanto si legge sul sito internet del quotidiano olandese 'Nrc-Handelsblad'. Gia' da tempo, erano state vietate la produzione e la vendita dei funghi essiccati, ma non di quelli 'freschi', che tra appena tre settimane entraranno a far parte delle droghe illegali. Il Parlamento dei Paesi Bassi ha chiesto la messa al bando dei 'magic mushrooms', dopo che nel marzo scorso una studentessa francese di 17 anni che ne aveva consumati alcuni e' morta buttandosi giu' da un ponte di Amsterdam. A livello formale non e' stato stabilito alcun legame tra il consumo dei funghetti e il suo decesso. Tuttavia, e' stato rilevato che altri turisti diventavano aggressivi e paranoici dopo la loro assunzione. Secondo i dati forniti dai servizi sanitari olandesi, lo scorso anno sono giunte 149 chiamate alla Croce Rossa di Amsterdam per soccorrere persone in preda a problemi derivanti dall'assunzione di funghetti. Gran parte degli incidenti hanno riguardato giovani turisti, in particolare italiani e britannici. Nei Paesi Bassi i funghetti sono acquistabili in circa 180 negozi specializzati, i cosiddetti 'smartshop'. Paul van Oyen, membro dell'associazione che li rappresenta, prevede che a causa del bando circa la meta' dovranno chiudere. "Ci sono solo 40 smart shop nel centro di Amsterdam che creano problemi e l'intera catena deve essere vittima", lamenta van Oyen.
    Da parte sua, il ministro della Salute, Ab Klink, giustifica la decisione insistendo sul "carattere imprevedibile dei funghetti", che possono condurre a "esiti pericolosi, a volte fatali".
    La messa al bando dei 'magic mushrooms' interviene in un momento in cui il piccolo regno nordeuropeo discute dell'opportunita' di continuare a tollerare le droghe leggere, inclusa la cannabis.
    Proprio questo fine settimana, il leader parlamentare dei cristianodemocratici, Pieter van Geel, ha chiesto la chiusura totale dei 'coffee shop', i celebri locali autorizzati dallo Stato a vendere modesti quantitativi di droghe leggere.




    ecco cosa succede a votare la democrazia cristiana :(
     
  5. Andrew metal

    Andrew metal
    Expand Collapse
    Insane subject

    Registrato:
    27 Giugno 2005
    Messaggi:
    7.536
    "Mi Piace" ricevuti:
    10

    12 Novembre 2008

    Semplicemente si potrebbe creare delle strutture adatte al consumo dei funghetti, è sbagliato che qualunque maggiorenne posso comprare e consumare funghetti e subito dopo mettersi alla guida. Sarebbe molto più produttivo se si costituissero degli spazi aperti e senza rischi per i clienti. Cioè tu ti presenti li e prendi i funghi e ti godi il viaggio all interno di questa struttura magari con un bel prato per rilassarsi a contatto con la natura. Ti danno a disposizione dei medici appositi, una camera con bagno per rilassarti quando desideri, un piccolo ristorantino magari, un bar, degli sdrai all'aperto. Così penso funzionerebbe meglio, anche troppo forse...
     
  6. angusyoung

    angusyoung
    Expand Collapse
    Active Member

    Registrato:
    6 Maggio 2002
    Messaggi:
    1.788
    "Mi Piace" ricevuti:
    4

    12 Novembre 2008


    il problema sono i turisti stranieri che venendo da paesi proibizionisti non hanno la minima cultura sugli enteogeni.

    mi sembrava molto intelligente la proposta del sindaco di amsterdam:

    I titolari degli smart shops sostengono la proposta presentata dal sindaco di Amsterdam Job Cohen, che non desidera affatto un divieto per i funghi. Egli suggerisce che gli acquirenti dovrebbero dover attendere tre giorni prima di poter disporre dei funghi acquistati. Tuttavia, il gabinetto ha respinto la proposta di Cohen.
    L'intenzione di Cohen era quella di evitare i comportamenti impulsivi dei turisti, che soggiornano brevemente ad Amsterdam. I consumatori stranieri sono responsabili di circa il 90 per cento degli incidenti che hanno avuto luogo dopo aver assunto i funghi.
     
  7. Sixx77

    Sixx77
    Expand Collapse
    Man Must Explore...

    Registrato:
    8 Novembre 2004
    Messaggi:
    12.527
    "Mi Piace" ricevuti:
    470

    12 Novembre 2008

    Una volta mio amico ha preso un "magic Mushroom" mentre era con lgi amici in un pub, ad un certo punto ha cominciato a svarionare, ha prso la strada della porta ed è sparito per 1 ora.

    é tornato con dei Panini di McDonald.

    Il giorno dopo ovviamente non ricordava nulla e ha scoperto di aver fatto un filmato con il cellulare in cui si sentivano i suoi vaneggiamenti da strafatto, con frasi tipo:"Ho volato ragazzi!! ho volato!!".

    Poi ad un certo punto ha inquadrato qualcona in una vetrina e ha detto:"Meno male che l'ho filmato!! Sennò chi ci avrebbe creduto??"

    si si dai...
    Io sarei per la libera vendita!
    Voi?
     
  8. Andrew metal

    Andrew metal
    Expand Collapse
    Insane subject

    Registrato:
    27 Giugno 2005
    Messaggi:
    7.536
    "Mi Piace" ricevuti:
    10

    12 Novembre 2008

    Ecco perchè la droga fa male. Perchè la maggior parte delle gente non la sa usare, ma si lascia usare. Fanculo
     
  9. angusyoung

    angusyoung
    Expand Collapse
    Active Member

    Registrato:
    6 Maggio 2002
    Messaggi:
    1.788
    "Mi Piace" ricevuti:
    4

    12 Novembre 2008


    poco importa, queste creature speciali sono sempre state presenti sulle nostre montagne e sempre vicine all'uomo. e anche oggi se ne trovano in abbondanza, in italia come nel resto d'europa. quindi che vietino pure quello che vogliono. vedremo se con i divieti smetteranno di crescere spontaneamente :D
     
  10. Monk

    Monk
    Expand Collapse
    To be a rock and not to roll

    Registrato:
    3 Maggio 2005
    Messaggi:
    57.170
    "Mi Piace" ricevuti:
    87.043

    12 Novembre 2008

    No no, io il Big Mac lo proibirei, assolutamente.

    :*
     
  11. street sinner

    street sinner
    Expand Collapse
    New Member

    Registrato:
    18 Dicembre 2005
    Messaggi:
    2.883
    "Mi Piace" ricevuti:
    1

    14 Novembre 2008

    parla per te va..:D
     
  12. angusyoung

    angusyoung
    Expand Collapse
    Active Member

    Registrato:
    6 Maggio 2002
    Messaggi:
    1.788
    "Mi Piace" ricevuti:
    4

    15 Novembre 2008


    bisogna cercarli nei posti giusti :)
     
  13. Andrew metal

    Andrew metal
    Expand Collapse
    Insane subject

    Registrato:
    27 Giugno 2005
    Messaggi:
    7.536
    "Mi Piace" ricevuti:
    10

    15 Novembre 2008

    Si infatti ognuno ha il suo settore difficilmente trovi funghetti dalle stesse persone da cui trovi l'erba...e per fortuna direi :shutup:. E' una droga più di nicchia e a meno che non conosci qualcuno di persona devi fare sempre giri di mani per arrivarci
     
  14. angusyoung

    angusyoung
    Expand Collapse
    Active Member

    Registrato:
    6 Maggio 2002
    Messaggi:
    1.788
    "Mi Piace" ricevuti:
    4

    15 Novembre 2008


    sto parlando di andare a raccoglierli in montagna.

    è sbagliato vendere funghi, una cosa del genere non può essere scambiata per del denaro.
     
  15. Andrew metal

    Andrew metal
    Expand Collapse
    Insane subject

    Registrato:
    27 Giugno 2005
    Messaggi:
    7.536
    "Mi Piace" ricevuti:
    10

    16 Novembre 2008

    Bè non son tutti che vanno a raccogliere i funghi in montagna. Primo perchè i funghi allucinogeni in Italia crescono solo in certe zone, e secondo e non meno importante per raccogliere funghi ci vuole esperienza non si può andare perchè si è vista una foto in internet
     

Condividi questa Pagina